integrazione

Immigrazione & Integrazione

Montevarchi è interessato da flussi migratori consistenti, ben superiori alla media nazionale.

L’immigrazione in senso stretto e’ competenza nazionale; non lo sono invece le politiche per l’integrazione.

La priorità assoluta e’ continuare a fare pressione sul governo e sull’Europa affinché pretenda accordo bilaterali con i paesi di origine che prevedano e permettano il rimpatrio dei clandestini. Senza questo ogni operazione per combattere quella sorta di distretti paralleli che spaziano da un’economia sommersa al malaffare sarà utile ma non definitiva.

L’istituzione di un assessorato all’integrazione ed alla legalità dovrà inderogabilmente procedere ad un serio e mirato controllo dei flussi in ingresso, cominciando da quello sulle residenze: dal carico antropico per abitazione, alle condizioni igienico-sanitarie delle stesse fino all’interfaccia con i competenti uffici centrali dislocati sul territorio aventi competenza sui contratti di locazione.

L’implementazione del controllo sul territorio, attraverso uno specifico protocollo da stipularsi d’intesa con il Prefetto, le altre forze di polizia  e quella municipale, finalizzata alla prevenzione e repressione dei reati ed all’individuazione ed espulsione di clandestini e non aventi titolo di soggiorno;Montevarchi almeno al momento non può più aiutare tutti.